greccio9.jpg
greccio10.jpg
greccio3.jpg
greccio5.jpg
greccio6.jpg
greccio2.jpg
greccio11.jpg
greccio8.jpg
greccio1.jpg
greccio7.jpg
greccio4.jpg
Collina
Montagna

Greccio

Manifestazioni

Segnala un evento


Secondo la tradizione fu fondato da una colonia o famiglia greca da qui il nome: Grecia, Grece, Grecce e infine Greccio. Le prime notizie risalgono al X sec. con i possedimenti dell'Abbazia di Farfa. Secondo la tradizione S. Francesco giunse in questi luoghi nel 1217 e dimorò in una capanna tra i Carpini finchè con l'aiuto di un benefattore: Giovanni Velita costruì il più antico nucleo dell'attuale convento. Il nome di Greccio è legato alla prima rappresentazione del presepe, voluta dal Santo la notte di Natale del 1223.

Monumenti
Borgo: è circondato da boschi di querce e elci che offrono salutari e lunghe passeggiate su sentieri sicuri e suggestivi, fino alla cima del Monte Lacerone (1205 metri s.l.m.) dove S. Francesco era solito ritirarsi in preghiera e meditazione in una capanna.
In questo luogo per volontà popolare, nel 1792 venne costruita una cappellina commemorativa. Dall'antico borgo si gode un ottimo panorama e conserva parte della pavimentazione del vecchio castello XI sec. e tre delle sei torri di cui la maggiore, fu trasformata nel XVIII sec. in torre campanaria.
Chiesa S. Michele Arcangelo: sorge a fianco della torre campanaria sulla sommità di una scenografica scalinata e risale al XIV sec. A navata unica venne ricavata da una parte del castello e conserva al suo interno pregevoli opere del XV sec. Interessanti sono le due cappelle laterali dedicate a S. Antonio da Padova e alla Madonna Immacolata con tele e affreschi del XV sec.
Chiesa S. Maria del Giglio: del 1400 a navata unica con un altare centrale e due laterali con stucchi di scuola romana e influssi di Carlo Fontana. L'altare maggiore conserva all'interno di uno stucco un affresco del quattrocento che rappresenta la Vergine col Bambino e Angeli.
Santuario di Greccio: costruito nel 1288 per ricordare il primo presepe vivente fatto da S. Francesco nel 1223. La leggenda narra che il bambinello unico personaggio non vivente della rievocazione, prese vita per poi tornare inanimato. Da allora Greccio e il suo Santuario sono il paese del primo presepe al mondo.
Il Santuario ha una pianta a croce latina caratterizzato da una facciata laterale e da un'absile esagonale, sul lato figurano monofore in stile gotico mentre il campanile è a vela. La Chiesa ha pianta a croce latina con un campanile a torre. Sotto la Chiesa medievale c'è la cripta di S. Francesco con una lunetta mostrante l'allestimento del presepe; il dipinto risale al 1200.
La cappelletta: la Chiesa eremitica di S. Francesco è situata sulla vetta a 1205 metri s.l.m., uno dei luoghi più suggestivi del territorio Comunale che permette di avere una veduta a grandangolo dell'intera valle Santa Reatina, così chiamata poiché vi soggiornò a lungo S. Francesco fondando i Santuari Francescani: La Foresta; Poggio Bustone; Fonte Colombo e Greccio che si trovano ai quattro estremi della pianura e ancora oggi attirano: turisti, devoti e pellegrini.
Convento: fondato nel 1250 su una parete scoscesa in un fitto bosco di lecci, sebbene più volte rimaneggiato, conserva l'originale semplicità. La cappella di S. Lucia ricavata nella grotta dove si vuole che il Santo abbia celebrato una rappresentazione vivente del presepe, conserva sopra l'altare un affresco del quattrocento che raffigura da un lato la natività di Cristo e dall'altra il presepe di Greccio.
Interessanti sono la cucina, il dormitorio assai spoglio e la cella dove S. Francesco dormiva sulla nuda roccia. Al piano superiore si trova la Chiesetta di S. Bonaventura, una costruzione duecentesca con volta a botte decorata con stelle e alcuni affreschi, nonché il dormitorio del Santo consistente in un corridoio con una serie di nude cellette di legno.
Usciti dal convento troviamo la grotta dove per 32 anni visse in penitenza il Beato Giovanni da Parma.
Nella Chiesa dell'Immacolata costruita nel 1959 vi sono collocati due presepi rispettivamente del 1962 e 1968 mentre nella Chiesa di S. Maria vi è allestito il Museo internazionale del presepe.
Greccio dal 2016 fa parte dei “BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA”.
Conosci questa località ?
Oppure chiedi a chi la conosce

Aggiornamenti degli utenti

Se conosci notizie ulteriori, hai consigli per chi intende visitare questa località, oppure precisazioni particolari, scrivile qui in modo da aiutarci a tenere sempre aggiornata la scheda della località.

Foto inserite dagli utenti
Click per ingrandire

Aggiungi
Foto

Carica un'Immagine

×

Diari di viaggio
Click per leggere

Aggiungi
Diario